Facebook  Youtube 

Un Paese a Sei Corde

c/o La Finestra sul Lago Associazione Culturale

lafinestrasullago(at)libero.it

Tel. +39 0322 96333


Alberto Ziliotto

24/08/2019

i suoi primi dieci anni di musica

ALBERTO ZILIOTTO
Gattico Veruno - 24 agosto 2019

Un nuovo Comune, Gattico Veruno, e un gradito ritorno per UN PAESE A SEI CORDE Master. Nella frazione di Maggiate Superiore, è tornato a trovarci Alberto Ziliotto. Avete presente quell’aria da festa di paese di una volta, con le sedie tutte vicine, intorno al palco, fra le case strette a custodire una piccola piazza piena di gente? Ecco. Ecco quella voglia di allegria, di star fuori in una bella sera d’estate, quella semplice allegria pronta ad accogliere un piccolo concerto delizioso di un giovane chitarrista che avevamo applaudito, debuttante, qualche anno fa. E Alberto Ziliotto è tornato, con una nuova chitarra, la Zizzola, e tanta nuova musica scritta per raccontare momenti di vita, stati d’animo. Piccole storie fatte di note, presentate con quella sua timida simpatia che l’ha fatto subito amare dal pubblico. Uno spettacolo ben costruito, il suo, e diviso in due parti. Nella prima ha ripercorso i suoi primi dieci anni di musica, dal 2009 fino ad oggi. E allora ecco la dolcezza allegra e semplice di Un Abbraccio, con cui ha esordito, e la più recente Poison, con un po’ di elettronica ben dosata, fino a Blueberry e l’enigmatica 1958, che hanno visto entrare in scena anche una chitarra baritona. Ogni pezzo con un piccolo aneddoto. E grandi applausi. Il pubblico, attento e divertito, si godeva la bella serata in un clima di assoluto relax, domandandosi appena perché ci fosse uno schermo con l’immagine del nuovo CD di Alberto proprio di fianco al piccolo palco. E con la seconda parte del concerto è arrivata anche la spiegazione. Il nostro chitarrista ha voluto riproporre alcuni video della sua carriera suonando quei pezzi dal vivo, in una sorta di strano play back. L’effetto è stato straordinario, e anche tenero, quando lo mostrava ragazzino alle prese con le stesse melodie. E poi le bellissime clip con la sedia rossa e la regia di Tracy Anderson girate tra i monti dell’Austria e il divertente duetto virtuale con il bassista Michael Marning per la dolcissima Al Tramonto. La sua chitarra baritona dalla buca un po’ strana ha accompagnato il ritorno alle ultime composizioni di Alberto con Ginger Collins, un pezzo che ha preso il nome di un cocktail, magari proprio quello che ha consolato le piccole delusioni amorose di gioventù che il nostro chitarrista ci ha raccontato durante la serata. Tra sorrisi e ricordi, applausi e risate, ecco arrivato anche l’ultimo brano. Alfa. Un esperimento, un connubio fra musica elettronica ed acustica che lo ha visto collaborare con Antoine Dufour. Bello, semplice e allegro, come questo delizioso concerto. E il bis? Irrinunciabile. A grande richiesta, Alberto Ziliotto ci ha suonato un pezzo scritto per la pubblicità di una linea ferroviaria, mentre sullo schermo ne scorrevano le immagini, col treno rosso simile a un gioco, un simpatico gioco da fare in una sera d’estate.

Patrizia & Mauro Gattoni


 





Un Paese a Sei Corde
P. Iva 01846330031