Facebook  Youtube 

Un Paese a Sei Corde

c/o La Finestra sul Lago Associazione Culturale

lafinestrasullago(at)libero.it

Tel. +39 0322 96333


Angelo Leadbelly Rossi e Roberto Luti

30/06/2019

con Amenoblues

ROBERTO LUTI & ANGELO LEADBELLY ROSSI
In collaborazione con AmenoBlues
Vacciago di Ameno - 30 giugno 2019

Anche quest’anno si rinnova l’appuntamento congiunto con il festival AmenoBlues. Ancora una volta siamo nella deliziosa chiesetta di S. Antonio Abate di Vacciago di Ameno, con la sua terrazza affacciata sul Lago d’Orta, nel tardo pomeriggio infuocato di una domenica di fine giugno. Catapultati sul palco-altare da una stringata presentazione, sicuramente superflua per gli assidui frequentatori della musica blues, ma certamente scarsa per tutti gli altri, Roberto Luti e Angelo Rossi hanno cominciato il loro spettacolo fatto di improvvisazione intorno ai brani dei musicisti che più hanno amato. Forse Skip James, con le sue atmosfere cupe e lamentose, non era proprio l’ideale per cominciare un concerto in un assolato pomeriggio d’estate, ma Roberto Luti, a piedi nudi e camicia bianca sbottonata sul petto, col suo dobro dall’aria antica si è rivelato un bravo accompagnatore, capace di rendere più ricche le canzoni di Angelo Leadbelly Rossi grazie i suoi assolo sempre molto apprezzati dal pubblico. Un po’ alla volta il ritmo si è fatto più vivace e l’atmosfera più leggera, con i fans sempre più scatenati e pronti a ballare sotto la statua di S. Antonio, mentre un nugolo di fotografi si alternavano intorno all’altare per immortalare i due musicisti. Ne avranno apprezzato la musica? Li avranno ascoltati o volevano soltanto immortalare il momento, visto che i due non suonano spesso insieme? Chissà... E mentre i nostri musicisti proseguivano il loro viaggio attraverso il blues, dal più nero a quello bianco degli yodel e di Hank Williams, passando ai sonagli da piede e alla chitarra elettrica, la chiesa pian piano ha cominciato a svuotarsi. Saranno state le dure panche della chiesa, sarà stata l’impossibile ricerca di un bagno, fatto sta che due ore di concerto, in cui le variazioni musicali erano così sottili da essere apprezzate solo dai più attenti amanti del genere, hanno fiaccato la resistenza di molti. Chi è rimasto ha però davvero apprezzato lo spettacolo, applaudendo i suoi beniamini con entusiasmo. Fino alla fine.

Patrizia & Mauro Gattoni

 





Un Paese a Sei Corde
P. Iva 01846330031