Facebook  Youtube 

Un Paese a Sei Corde

c/o La Finestra sul Lago Associazione Culturale

lafinestrasullago(at)libero.it

Tel. +39 0322 96333


Conferenza e concerto

08/06/2018

Direttori artistici in scena con Schertler a Cressa

CONCERTO DI PRESENTAZIONE
Cressa, 8 giugno 2018

Se è vero che “il buongiorno si vede dal mattino”, allora possiamo ben dire che il concerto di presentazione de UN PAESE A SEI CORDE MASTER del 2018, eccezionalmente svoltosi a Cressa, nel Museo del Baco da Seta, è stato il preludio di un’estate di musica per chitarra che si annuncia particolarmente variegata, dotta e popolare, raffinata e divertente.
Al termine della consueta conferenza stampa che ha visto la presenza delle più importanti testate giornalistiche e trasmessa in diretta da SMS World Radio, il numeroso pubblico ha potuto applaudire le performances dei direttori artistici del nostro festival che si sono susseguiti sul palco, alternando alla loro musica brevi presentazioni della sezione da loro curata, dei musicisti che vi suoneranno e le caratteristiche degli strumenti usati. Un modo simpatico e informale per meglio far comprendere anche agli spettatori meno esperti le differenze di suono e di repertorio. Ad aprire la serata Dario Fornara, a presentare i sistemi di amplificazione della svizzera Schertler, dai familiari nomi presi da amici e parenti, e i suoi straordinari arrangiamenti con cui omaggiare la memoria di Pino Daniele prima, e mandare un piccolo monito al neonato governo con “Roma nun fa’ la stupida stasera”, poi. Una loop station e un po’ di fantasia hanno dato nuovo stile alle sue composizioni più amate, in un’atmosfera leggera e divertente. Subito dopo è stata la volta di Francesco Biraghi e di Lorenzo Olivieri, volto nuovo della manifestazione a cui ha aggiunto la bella e ricca novità del Guitar Master. I due hanno duettato su un repertorio prettamente classico, che ha raccontato la storia della chitarra, dalla musica barocca fino allo straordinario periodo spagnolo, passando da Carulli e Tarrega. Al pubblico attento e silenzioso hanno mostrato come possa diventare semplice e divertente avvicinarsi all’ascolto della cosiddetta “musica colta”, liberandola da clichés troppo seriosi. Dopo di loro il fascino e la magia di Davide Sgorlon, chitarrista torinese che proprio a Cressa aveva esordito come chitarrista solista. Dopo un primo brano di puro fingerstyle, ci ha mostrato un mondo ancora diverso, trasportandoci, grazie al sapiente uso di loop station, EBow e una pedaliera di effetti spaziale, in atmosfere lontane e sontuose che hanno lasciato il pubblico senza fiato. E poi, per finire in bellezza, un ospite straordinario arrivato apposta dalla Liguria per raccontarci un modo ancora diverso di suonare la chitarra. Lorenzo Piccone, col suo Panama nero in testa e con la sua chitarra hawaiana poggiata sulle gambe, ha riempito il Museo del Baco da Seta di esotismo e di struggente allegria. La sua bella voce e le sue mani sapienti, ci hanno fatto viaggiare tra il sud degli Stati Uniti, l’India e le Hawaii, le sonorità mediterranee e il vento della sua Liguria, fino al bis finale, in duetto con Dario Fornara, sulle note di “The Water is Wide”. E questa era solo la presentazione...

Patrizia & Mauro Gattoni





Un Paese a Sei Corde
P. Iva 01846330031